immagine, logo pagina iniziale CITTA' DI TRECATE
immagine, logo pagina iniziale CITTA' DI TRECATE in versione MOBILE
...pagina iniziale ->Referendum costituzionale del 29 marzo 2020

19 febbraio 2020, CITTA' DI TRECATE
MODALITA' DELLA PROPAGANDA ELETTORALE



10 febbraio 2020, CITTA' DI TRECATE
VOTO DEGLI ELETTORI TEMPORANEAMENTE ALL’ESTERO PER MOTIVI DI LAVORO, STUDIO O CURE MEDICHE E DEI FAMILIARI CONVIVENTI

In occasione del Referendum Costituzionale si svolgerà il 29 marzo 2020, gli elettori che per motivi di lavoro, studio o cure mediche si trovano temporaneamente all'estero per un periodo di almeno tre mesi nel quale ricade la data di svolgimento dell’anzidetto Referendum, nonché i familiari con loro conviventi, potranno partecipare al voto per corrispondenza organizzato dagli uffici consolari italiani (legge 459 del 27 dicembre 2001 art. 4 bis) ricevendo la scheda al loro indirizzo all’estero.

Chi intende partecipare al voto dovrà far pervenire AL COMUNE d'iscrizione nelle liste elettorali entro il 26 febbraio 2020 (con possibilità di revoca entro lo stesso termine) una OPZIONE valida per un'unica consultazione. L'allegato modulo di opzione, obbligatoriamente corredato di copia del documento d’identità valido, potrà essere utilizzato dagli elettori temporaneamente all’estero che intendono ivi esprimere il voto per corrispondenza e potrà essere inviato per posta, telefax, posta elettronica anche non certifcata, oppure fatto pervenire a mano al Comune anche da persona diversa dall’interessato.

L’indirizzo e mail dell’ufficio elettorale del Comune di Trecate è il seguente: elettorale@comune.trecate.no.it.

L’AMMINISTRAZIONE COMUNALE


4 febbraio 2020, CITTA' DI TRECATE
VOTO PER CORRISPONDENZA DEI CITTADINI ITALIANI RESIDENTI ALL’ESTERO

Con Decreto del Presidente della Repubblica del 28 gennaio 2020, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 23 del 29 gennaio 2020, è stata fissata al 29 marzo 2020 la data del referendum confermativo popolare, che vedrà coinvolti anche i cittadini italiani residenti all’estero.

Si ricorda che il VOTO è un DIRITTO tutelato dalla Costituzione Italiana e che, in base alla Legge 27 dicembre 2001, n.459, i cittadini italiani residenti all’estero, iscritti nelle liste elettorali, possono VOTARE PER POSTA. A tal fine, si raccomanda quindi di controllare e regolarizzare la propria situazione anagrafica e di indirizzo presso il proprio consolato.

È POSSIBILE IN ALTERNATIVA, PER GLI ELETTORI RESIDENTI ALL’ESTERO ED ISCRITTI ALL’AIRE, SCEGLIERE DI VOTARE IN ITALIA PRESSO IL PROPRIO COMUNE DI ISCRIZIONE ELETTORALE, comunicando per iscritto la propria scelta (OPZIONE) al Consolato NON OLTRE I DIECI GIORNI SUCCESSIVI A QUELLO DELL’INDIZIONE DELLE VOTAZIONI, OVVERO ENTRO IL GIORNO 8 FEBBRAIO 2020.

La scelta (opzione) di votare in Italia vale solo per una consultazione referendaria.

Per tale comunicazione si prega di utilizzare l’allegato modulo che dovrà essere inviato al Consolato, unitamente a copia fotostatica non autenticata di un documento di identità del sottoscrittore.

La scelta di votare in Italia può essere successivamente REVOCATA con una comunicazione scritta da inviare o consegnare all’Ufficio consolare con le stesse modalità ed entro gli stessi termini previsti per l’esercizio dell’opzione.

Se si sceglie di rientrare in Italia per votare, la Legge NON prevede alcun tipo di rimborso per le spese di viaggio sostenute, ma solo agevolazioni tariffarie all’interno del territorio italiano. Solo gli elettori residenti in Paesi dove non vi sono le condizioni per votare per corrispondenza (Legge 459/2001, art. 20, comma 1-bis) hanno diritto al rimborso del 75 per cento del costo del biglietto di viaggio, in classe economica.

L’Amministrazione comunale